Istituto Superiore di Scienze Religiose “San Pietro martire” - Verona
in collegamento accademico con la Facoltà Teologica del Triveneto


Disposizioni per i passaggi dai titoli del vecchio ordinamento ai titoli del nuovo ordinamento


La nuova configurazione e i nuovi titoli rilasciati dall’ISSR San Pietro Martire di Verona

L’ISSR San Pietro Martire, eretto dalla Congregazione per l’Educazione Cattolica nel 2006 come Istituto Superiore secondo il nuovo ordinamento, si configura secondo i parametri universitari europei (Processo di Bologna), con due cicli distinti (3+2):
a) Il triennio di base, al termine del quale viene rilasciato il titolo di Laurea in Scienze religiose;
b) Il biennio specialistico, al termine del quale viene rilasciato il titolo di Laurea Magistrale in Scienze Religiose.
I due titoli sopra indicati sono titoli ecclesiastici, e solo alla conclusione del Processo di Bologna potranno essere riconosciuti come titoli accademici dalle Università di Stato.
I titoli richiesti per l'insegnamento della religione cattolica nelle scuole sono precisati nell'Intesa del 28 giugno 2012 tra la Conferenza Episcopale Italiana e il Ministero dell’Istruzione dell'Università e della Ricerca.

Il passaggio dai titoli del vecchio ordinamento ai titoli del nuovo ordinamento

Coloro che sono in possesso dei titoli del vecchio ordinamento (Diploma triennale in Scienze Religiose e Magistero quadriennale in Scienze Religiose) possono accedere ai nuovi titoli di Laurea in Scienze Religiose e di Laurea Magistrale in Scienze Religiose.
Occorre comunque ricordare che i nuovi titoli non sono in tutti i casi richiesti per l’insegnamento della Religione Cattolica a chi è già in possesso dei titoli del vecchio ordinamento, in quanto le nuove disposizioni non sono retroattive e prevedono, a determinate condizioni (cf l'Intesa), la validità dei titoli del vecchio ordinamento.
Per i diplomati che desiderano comunque operare il passaggio ai nuovi titoli, l’ISSR San Pietro Martire, in accordo con la Facoltà Teologica del Triveneto, stabilisce quanto segue:

a. Studenti in possesso del Magistero in Scienze Religiose (vecchio ordinamento).

L’Istituto ammette direttamente al primo anno della nuova Laurea magistrale gli studenti che hanno ottenuto il Magistero presso questo Istituto stesso, riconoscendo loro un accredito di 30 ECTS nel piano di studi del Biennio di specializzazione.
In sostanza, per ottenere la Laurea Magistrale tali studenti dovranno ottenere 90 ECTS (sui 120 previsti per questa Laurea), dei quali 74 ECTS con dei corsi/seminari/laboratori attivati nel biennio della specialistica e 16 ECTS con la tesi e l’esame finale.
Andrà certificata la conoscenza di due lingue straniere.
Per la precisazione in dettaglio della normativa, cf il Regolamento dell'Istituto all'art. 60/3.

b. Studenti in possesso del Diploma in Scienze Religiose (vecchio ordinamento).

Lo studente che intende ottenere la Laurea in Scienze Religiose dovrà integrare il percorso compiuto con il Diploma del vecchio ordinamento attraverso il conseguimento di 25 ECTS, dei quali 17 ECTS con dei corsi/seminari/laboratori attivati nel triennio e 8 ECTS per la tesi e l’esame finale.
Andrà certificata la conoscenza di una lingua straniera.
Per la precisazione in dettaglio della normativa, cf il Regolamento dell'Istituto all'art. 60/2.

c. Gli studenti che intendono usufruire del passaggio dai vecchi ai nuovi titoli dovranno iscriversi regolarmente al nuovo triennio o al biennio della specialistica (a seconda del titolo di cui sono in possesso), previa approvazione del loro Piano di Studi da parte del Direttore e del Consiglio di Istituto (cf il Regolamento dell'Istituto all'art. 60).

d. Il passaggio dai titoli del vecchio ordinamento ai titoli del nuovo ordinamento richiede come condizione preliminare che lo studente sia in possesso di un diploma di scuola superiore che dia accesso agli studi universitari (cf il Regolamento dell'Istituto all'art. 60/1).